Sezione: Neurologia

Basta poco pesce a proteggere il cervello

Che gli acidi grassi omega3 contenuti soprattutto nel pesce (salmone, sardine, tonno e crostacei) possano svolgere un'attività  benefica sul cervello si sapeva. Ora una ricerca americana durata 6 anni, condotta da esperti della University Medicai Center su una comunità  di residenti di Chicago con più di 65 anni, suggerisce che basta mangiare pesce una volta la settimana per riuscire a ridurre dal 10 al 13 percento circa il declino delle attività  cognitive legato all'invecchiamento.
Non accade così, però, in chi ne consuma di meno. Il miglioramento equivale ad avere un cervello di trà© o quattro anni più giovane, conclude Martha dare Morris, che ha coordinato lo studio (disponibile ornine, sarà  pubblicato a dicembre su Jama).

Autore: Redazione Medicina33.com