Contattaci

Mal di schiena e metodiche utili sia per alleviare il dolore di schiena quando questa è colpita da qualche acciacco.

L'instaurarsi di una scoliosi provoca un danno anatomico secondario delle vertebre.
La scoliosi è un'incurvatura della colonna vertebrale in senso antero-laterale. Visto in direzione antero-posteriore il rachide (colonna vertebrale) di un individuo normale si presenta perfettamente diritto; quando ciò non avviene si tratta sempre di una situazione patologica che viene appunto chiamata scoliosi. Con il termine di lordosi e di cifosi si sogliono indicare le curve rispettivamente a concavità posteriore (lordosi) che si trovano nel tratto cervicale e in quello lombare, e a concavità anteriore (cifosi) che, unica, si trova nel tratto dorsale.

La lordosi e la cifosi sono fi [LEGGI RESTANTE]



Quali sono le cause della lordosi?
È un incurvamento della colonna vertebrale in seguito al quale la pancia sporge in avanti più del dovuto e la convessità della schiena appare più pronunciata della norma. Bisogna notare che una leggera lordosi, soprattutto nelle donne, è perfettamente normale: ma con il termine medico di lordosi si indica una curvatura eccessiva. Si tratta di una malattia abbastanza rara e comunque molto più rara della scoliosi , che è l'anormale curva laterale della colonna vertebrale.

Le cause della lordosi possono essere diverse: la lussazione congenita dell'anca, per esempio, predispone alla lordosi [LEGGI RESTANTE]


Qual è la causa del mal di schiena e della lombosciatalgia?
In linea di massima, la gran parte dei dolori dorsali è provocata da una patologia degenerativa. Con l'invecchiamento, i dischi con funzione di ammortizzazione che separano una vertebra dall'altra cominciano a perdere progressivamente elasticità e contenuto acquoso e così si assottigliano. Questo evento può causare una serie di problemi, che vanno dal semplice dolore muscolare a ben più gravi patologie, tra cui l'ernia del disco. Nonostante si siano identificate più di 100 cause di dolore rachideo, la maggior parte dei casi è dovuta a lesioni muscolo-legamentose. Uno studio ad hoc su grande sca [LEGGI RESTANTE]


Chi soffre di mal di schiena? Perché la maggior parte dei dolori di schiena coinvolge la regione lombare?
Anche se il mal di schiena può colpire chiunque, è più frequente in soggetti di età compresa tra i 50 e i 55 anni. Negli Stati Uniti l'età media dei pazienti sottoposti a interventi chirurgici per ernie discali lombari è di 42 anni. Poiché le donne nella terza età vanno frequentemente incontro a osteoporosi (malattia che rende le ossa più fragili), queste sono più esposte al rischio di lombosciatalgia rispetto ai coetanei di sesso maschile. I dolori di schiena affliggono i lavoratori di ogni grado e livello con svariate occupazioni: chi svolge attività con minimo dispendio di energia ha le [LEGGI RESTANTE]


Come può una cattiva postura contribuire a determinare i problemi della colonna vertebrale?
Attualmente la maggior parte degli esperti è concorde sul fatto che una postura inadeguata e scorretta possa imprimere una rigidità alla colonna vertebrale oltre misura. Quest'ultima, solo se correttamente allineata, descrive una leggera curvatura verso l'interno all'altezza del collo e del segmento lombare e verso l'esterno nell'area dorsale. Questa particolare forma ad S modificata mantiene il capo, il torace e la pelvi centrati l'uno sull'altro, bilanciando in tal modo il peso del corpo. Se tale postura subisce delle modifiche, incurvando le spalle oppure stando seduti in modo ipotonico oppure, ancora, [LEGGI RESTANTE]


Sport e altre attività fisiche sono veramente utili per la mantenere la schiena in forma?
Generalmente è possibile dire che l'attività fisica beneficia la schiena. L'esercizio fisico non solo migliora le funzioni di sostegno della colonna ma, come recenti ricerche hanno dimostrato, esercita benefici effetti direttamente sul disco. Da uno studio condotto in Svezia è emerso che l'attività fisica favorisce l'afflusso delle sostanze nutritizie al disco, ritardandone probabilmente il deterioramento. In effetti, l'unico modo attraverso il quale i dischi possono ricevere nutrimento è il movimento. L'esercizio regolare è dunque fondamentale per mantenere una colonna robusta ed elastica; alc [LEGGI RESTANTE]


La vita sedentaria è una causa determinante la lombosciatalgia? Quali sono le posture attitudinali che possono causare lombosciatalgia?
Stare seduti tutto il giorno aumenta sicuramente i problemi della colonna, particolarmente se la postura è scorretta. E' largamente risaputo che la posizione seduta, rispetto alla stazione eretta, esercita un incremento pressorio di circa 30 kg sul segmento inferiore del rachide in un soggetto di 68 kg di peso. Rimanendo seduti in modo poco tonico, la colonna lombosacrale si ritrova senza sostegno e curvando le spalle si mettono in tensione collo e muscoli dorsali superiori. In determinate situazioni risulta utile, per mantenere una postura corretta, l'utilizzo di sedie progettate in modo da sollecitare [LEGGI RESTANTE]


Lo stress può scatenare mal di schiena?
Lo stress ci rende sicuramente più vulnerabili alle patologie da usura della colonna vertebrale. Un recente studio americano sul rapporto tra dolore e stress ha dimostrato che il 47% degli individui esaminati lamentava una situazione stressante almeno una volta alla settimana, il 34% meno di una volta alla settimana e il 15% mai. I soggetti molto stressati hanno una maggiore probabilità di accusare una qualsivoglia sintomatologia dolorosa rispetto ai soggetti meno stressati. Il 69% del gruppo sotto forte stress ha riferito episodi di lombosciatalgia nell'anno precedente, rispetto al 49% del gruppo [LEGGI RESTANTE]


L'uso di sedie progettate ad hoc e l'impiego di materassi rigidi ci proteggono dal mal di schiena?
Esistono rapporti tra dolori del collo e del rachide lombosacrale? Se si eccettua il fatto di essere meno comune e meno suscettibile di evolvere in disabilità completa, il dolore cervicale è sostanzialmente uguale a quello del rachide lombosacrale. Questo tipo di algia, per lo più causata da eventi traumatici, quali un colpo di frusta, o da movimenti scorretti, risponde meno al trattamento fisioterapeutico rispetto al dolore lombosciatico.
[LEGGI RESTANTE]


Il riposo a letto di un paio di giorni è ideale per far cessare il mal di schiena.
Uno studio eseguito su 1652 vigili del fuoco ha mostrato la relazione tra un punteggio di forma fisica e l'assenza di dolore rachideo. Sulla base dei risultati di alcuni test di resistenza cardio-vascolare e di potenza-flessibilità muscolare, i soggetti sono stati classificati in tré gruppi: in ottima, discreta e pessima forma. I ricercatori hanno quindi osservato nell'arco di tre anni tutte le lesioni rilevate a carico della colonna vertebrale. Tra i soggetti considerati in ottima forma i problemi rachidei risultavano inesistenti, laddove l'80% dei soggetti in pessima forma lamentava affezioni del [LEGGI RESTANTE]


Che cosa si intende per ernia del disco?
Il termine impiegato a questo proposito è di fatto improprio, in quanto nella realtà non esiste qualcosa di paragonabile a un disco «erniato». I dischi sono saldamente ancorati alle vertebre e, se da una parte possono andare incontro a importanti processi degenerativi con gravi conseguenze, dall'altra non possono subire dislocazioni. I dischi, composti da tessuto fibroso resistente ma anche comprimibile per la presenza di un nucleo gelatinoso, svolgono un imporrante ruolo all'interno della colonna vertebrale: posizionandosi tra vertebra e vertebra, consentono alla colonna i movimenti di piegamento e fles [LEGGI RESTANTE]


Come prevenire il dolore lombosacrale, chi sono i soggetti più esposti al dolore lombosacrale.
Quanto tempo è necessario perché il dolore lombosacrale regredisca completamente?
Nella maggior parte dei casi il dolore lombosacrale regredisce entro 10 giorni-3 settimane, anche se in rari casi i sintomi perdureranno fino a 3 mesi. Soltanto il 5% dei pazienti con questo tipo di patologia continua ad accusare dolore oltre 3 mesi; detto ciò, va tenuto presente che anche nelle forme più gravi di sciatica il 50% dei pazienti guarisce entro 30 giorni.

[LEGGI RESTANTE]







Letture correlate:

   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.