Contattaci
Dermatologia: pelle, peli, capelli , unghie e realtive malattie

Verruche
Una verruca è una prominenza sulla pelle dovuta a un virus, che invade le cellule cutanee e le costringe a moltiplicarsi rapidamente. I virus responsabili vengono diffusi mediante il contatto con la pelle che si stacca dalla verruca stessa. Esistono diversi tipi di verruca: la forma più comune (quella sulla pianta del piede) è una protuberanza piccola, dura. cornea, bianca o rosa, con superficie a cavolfiore. All'interno vi sono piccoli vasi sanguigni ostruiti che assomigliano a schegge nere. La verruca volgare (o [LEGGI RESTANTE]



Acne volgare e acne rosacea
L' acne volgare è un'affezione in cui appaiono sulla pelle macchie di diverso genere. Come sanno molti adolescenti, si sviluppa quasi sempre durante la pubertà. Per questa ragione se ne paria come di un problema specifico degli adolescenti . L'acne rosacea è un'affezione simile alla precedente, in cui la pelle delle guance e del naso arrossisce facilmente: dopo aver mangiato cibi piccanti, per esempio, o dopo aver bevuto alcool o tè forte o caffè. [LEGGI RESTANTE]


Forfora
La forfora è una anormale produzione di piccole scaglie di pelle morta sul cuoio capelluto. Le due cause principali di questo fenomeno sono una leggera forma di eczema seborroico o meno comunemente, di psoriasi del cuoio capelluto. I capelli solitamente non sono interessati. La forfora è assai comune, e non comporta rischi per la salute; è solo sgradevole e richiede cure cosmetiche.
Qual' e il trattamento?
Auto-aiuto; Usate uno shampoo antiforfora, seguendo le istruzioni indicate sul flacone. Freque [LEGGI RESTANTE]


Nei: da tenere sempre sotto controllo
Quelli che possono provocare problemi compaiono soprattutto nell'età matura. Necessario controllare la propria cute periodicamente per scoprire eventuali neoformazioni. II termine "neo" è usato nella lingua italiana come prefisso indicante qualcosa di nuovo o comunque di differente; è usato anche come termine equivalente a neoplasia, sia essa benigna o maligna. Così, per rendere meno inquietante la parola neoplasia, si usa "neo" che è più gradevole e accettabile rispetto ad altri termini (carcinoma, epitelioma, [LEGGI RESTANTE]


I raggi ultravioletti stimolano anche i melanociti a produrre una maggior quantità di melanina, responsabile dell'abbronzatura dopo esposizione al sole
Si chiamano raggi ultravioletti i raggi caratterizzati da una lunghezza d'onda che va da 14 a 397 nanometri (nm); nello spettro elettromagnetico sono collocati oltre lo spettro visibile (397 723 nm) da una parte ed i raggi X dall'altra. I raggi ultravioletti sono presenti nello spettro solare e non arrecano danno all'occhio umano a meno che non siano accentuati da riflessioni di specchi o da altri accorgimenti.
L'esposizione per una certa durata alle radiazioni ultraviolette può arrecare danni alla cornea, come può accadere a chi lavora in queste condizioni senza la protezione degli occhiali di C [LEGGI RESTANTE]


La terapia della forma acuta di borsite prevede l'uso di iniezione, nella borsa, di idrocortisone, seguita da una di procaina all' 1%.
Per borsite si intende un'infiammazione delle borse sierose, strutture contenenti un liquido limpido sieroso, secreto dalle pareti della borsa stessa, che svolgono una funzione di cuscinetto elastico per facilitare lo scorrimento dei capi di tendini (borse tendinee) o di muscoli (borse muscolari) posti in zone in cui si trovano prominenze ossee, come nel ginocchio (borse pre-tibiali, pre-rotulee, sotto-quadricipitale, del tendine della zampa d'oca), nella spalla (borsa sotto-acromio-deltoidea e borsa scapolare).
Il processo infiammatorio può assumere andamento acuto o cronico, comunque sempr [LEGGI RESTANTE]


I fattori ereditari svolgono certo un ruolo non trascurabile nelle allergie della pelle: genitori allergici avranno figli che soffriranno facilmente degli stessi disturbi.
Le allergie della pelle sono sempre esistite, ma non ci sono mai stati tanti fattori favorevoli come oggi. Siamo circondati in ogni momento del giorno e della notte da una quantità potremmo dire da una marea di sostanze allergiche. La formidabile espansione industriale ha invaso le nostre case, i nostri giardini, le nostre città, le nostre campagne, i muri, l'aria, il suolo di sostanze chimiche nuove che sono spesso degli allergeni. Gli apprendisti stregoni o gli esperti alle vendite che lanciano questi prodotti sul mercato spesso ignorano i danni che possono derivarne. Dal momento in cui vi alzate [LEGGI RESTANTE]


L' edema di Quincke puo comparire simultaneamente un'eruzione di orticaria
L' edema di Quincke ha una patogenesi simile a quella dell'orticaria. Il paziente accusa l'improvvisa comparsa di tumefazioni localizzate al viso, alle labbra, alle palpebre, nella bocca, alle mani o altrove. L' edema di Quincke può comparire simultaneamente un'eruzione di orticaria. Può essere colpito il laringe ed è ben nota la gravita del quadro. L'aspetto del paziente può essere notevolmente alterato durante le crisi a causa delle tumefazioni. Quelle cutanee cedono facilmente alla pressione; la cute di solito è bianca, ma può essere leggermente rosea. La terapia consiste fondamentalmente n [LEGGI RESTANTE]


La dermatite da contatto industriale è frequente specialmente in associazione con l'esposizione a cromato, nichel, trementina, vernice, varie resine (specialmente le eporesine) e antiossidanti
Le dermatiti da contatto sono oggi tra le malattie più diffuse nelle moderne società industrializzate. L'evoluzione tecnica, il sempre più largo impiego di materiali sintetici e, soprattutto, , la crescente diffusione del benessere e l'espansione dei consumi hanno moltiplicato nella società moderna le occasioni di contatti sensibilizzanti: non soltanto gli operai, gli artigiani, i tecnici, ma anche gli impiegati, i professionisti, le casalinghe, ecc. risultano sempre più frequentemente colpiti.
La forma più comune di dermatite da contatto (DAEC) esprime clinicamente una reazione di ipersensibilit [LEGGI RESTANTE]


L'eczema acuto del viso inizia di solito con un eritema (arrossamento cutaneo) accompagnato da edema (gonfiore) e da febbre.
Gli arti superiori rappresentano una sede di elezione della DAEC e particolarmente delle forme di natura professionale. Le lesioni possono essere localizzate unicamente sulla superficie dorsale delle dita e nelle pieghe interdigitali, ma si riscontrano pure con una certa facilità sulla faccia dorsale delle mani e sulla faccia anteriore del polso, là dove la pelle è più delicata. La palma delle mani, come dicemmo dianzi, tende a essere risparmiata. Le lesioni possono diffondersi a distanza, interessare il viso (specialmente le palpebre), il collo, le zone genitali, le pieghe di flessione delle articolazio [LEGGI RESTANTE]


Cura dei capelli: capelli grassi e capelli secchi e fragili. Capelli che cadono
Una fluente, lucente capigliatura è spesso frutto di attente cure e di una alimentazione sana ed equilibrata. Una folta e ricca chioma rappresenta da sempre un attributo di bellezza e di fascino senza uguali; conoscere la struttura del capello e come curarlo è essenziale per conservarne la salute.
Il capello si compone di tre strati sovrapposti: il più esterno, la cuticola, è composto da cellule piatte, lisce, sovrapposte le une alle altre come le tegole di un tetto, che fungono da scudo protettivo. La giusta disposizione di queste cellule è essenziale per il benessere del capello: se non aderisc [LEGGI RESTANTE]


Prodotti per la protezione solare: come ottenere una gradevole abbronzatura senza scottarsi per l'esposizione al sole
Scottarsi per l'esposizione al sole provoca non solo disagi nell'immediato, ma anche rischi nel futuro. Per questo è importante evitare che i raggi ultravioletti danneggino la pelle. In fondo è curioso che la stessa società in cui il colore scuro della pelle è spesso oggetto di diffidenza o rifiuto coltivi poi il culto per l'abbronzatura. E dire che l'attenzione alla salute, altrettanto tipico della nostra società, dovrebbe suggerire casomai un atteggiamento simile a quello con cui, fino a tutto l'Ottocento e anche oltre, si tendeva piuttosto a preservare il pallore quale segno di distinzione. [LEGGI RESTANTE]


Le regole da seguire per evitare scottature e danni a lungo termine causati dal sole
1] Tenere presente che nessun prodotto filtra tutti i raggi ultravioletti, ma l'uso di solari appropriati protegge dai rischi del cancro della pelle, evita arrossamenti ed eritemi e previene il foto-invecchiamento cutaneo.

2] Scegliere e confrontare i solari in base al tipo di pelle (fototipo), all'esposizione e al luogo (spiaggia, mare aperto. piscina, eccetera). Utilizzare prodotti solari che offrono una protezione sufficiente, chiedendo consiglio al medico o al farmacista. Porre maggiore attenzione alle radiazioni solari quando si è vicini ad acqua, neve o sabbia. Non esporsi al [LEGGI RESTANTE]


La crioterapia viene utilizzata nell'eliminazione di nei, verruche, calli e altre formazioni cutanee
È una tecnica che sfrutta, a fini terapeutici, le modificazioni indotte localmente nei tessuti dal raffreddamento rapido a basse o a bassissime temperature. Le sue più comuni applicazioni consistono nel trattamento delle emorragie e nella distruzione di formazioni che necessitano di essere asportate (criochirurgia). Nelle pratiche criochirurgiche la parte che deve essere trattata viene posta a contatto con sostanze refrigeranti quali l'azoto liquido, l'anidride carbonica solida (o ghiaccio secco), il freon o altre, che la portano a temperature varianti, a seconda dei casi, da —30 a —160 gradi centigra [LEGGI RESTANTE]


I deodoranti contengono sostanze antisettiche e batteriostatiche, che impediscono lo sviluppo della flora batterica, responsabile delle modificazioni del sudore e quindi del cattivo odore.
I deodoranti devono essere usati dopo una scrupolosa igiene da ripetere più volte al giorno a seconda che la sudorazione sia più o meno abbondante . I deodoranti impediscono la formazione di cattivo odore e si dividono in due grandi categorie: antitraspiranti e, appunto, deodoranti. Gli antitraspiranti. Hanno un'azione diretta sulla secrezione del sudore, che riducono di quantità. Su questi prodotti si sono avute riserve, anche polemiche, sulle sostanze troppo aggressive che impedivano una funzione necessaria e fisiologica come la sudorazione. Gli anti traspiranti, oggi in commercio, invece, sono formul [LEGGI RESTANTE]


In quali casi è necessario l'uso della diatermocoagulazione
La diatermocoagulazione è un procedimento, noto anche come elettrocoagulazione, che provoca, mediante un ago sottile collegato a un apposito strumento, leggere scariche elettriche in determinati punti della pelle. La si usava in passato molto frequentemente per coagulare i capillari della coupcrose, ma oggi si preferisce ricorrere alla laserterapia . è comunque un ottimo sistema per ottenere una depilazione definitiva: il dermatologo "brucia" con l'ago ogni radice pilifera, rendendola sterile. Alla fine del trattamento restano sulla pelle, in corrispondenza del pelo tolto, minuscole crosticine, che poi ca [LEGGI RESTANTE]


L'eczema seborroico compare nei punti del corpo dove sono più numerose le ghiandole sebacee
È la più comune malattia cutanea: il termine eczema è praticamente sinonimo di quello, altrettanto usato, di dermatite e indica una infiammazione della pelle che provoca sempre arrossamento e prurito. Ma a volte si possono formare anche delle piccole vesciche, che poi si rompono (magari infettandosi) e lasciano il posto a minuscole crosticine. In realtà i medici distinguono diversi tipi di eczema. L' eczema allergico, spesso di origine alimentare, è il più diffuso: può durare poche ore oppure diversi giorni e si accompagna molte volte a altre manifestazioni allergiche come il raffreddore, l'asma eccet [LEGGI RESTANTE]


Sintomi e terapia per l'herpes.
II termine latino herpes indica una lesione cutanea localizzata, in genere provocata da un virus erpetico e caratterizzata dalla presenza di chiazze eritematose su cui si formano in seguito piccole vescicole a contenuto limpido sieroso e confluenti a grappolo. Caratteristica dei virus erpetici è la loro predilezione per i tessuti nervosi (neurotropismo), che è alla base anche di possibili complicanze quale l'encefalite. Tra le varie forme l'herpes genitale è quello che compare sulla cute e sulla mucosa degli organi genitali estemi; le sue vescicole si essiccano rapidamente e scompaiono senza tracce [LEGGI RESTANTE]


Cosa fare in caso di seborrea? Da dove si origina il sebo?
La seborrea è un'aumento della secrezione sebacea della cute. Se ne distinguono due forme: l'oleosa e la secca, a seconda che l'aumento di secrezione sia accompagnato o meno da desquamazione lamellare. La seborrea colpisce più di frequente il cuoio capelluto. Nei lattanti si ha la formazione della cosiddetta crosta lattea; negli adulti si riscontra, invece, untuosità dei capelli i quali spesso emanano cattivo odore. Di fronte alla comune seborrea del cuoio capelluto se ne osserva anche una secca, che determina la caduta progressiva dei capelli, previo leggero prurito. Nel periodo della pubertà si [LEGGI RESTANTE]


Come sono fatte le creme idratanti per la pelle? In che modo le creme idratanti prevengono le rughe?
Tutte le creme grasse contengono una parte di acqua mescolata a sostanze grasse. A seconda della loro formulazione possono essere A/O oppure O/A. Queste sigle stanno a indicare che il prodotto ha una base acquosa disciolta in olio (A/O) o, al contrario, una parte grassa, cioè oleosa, disciolta in acqua (O/A). Le creme idratanti da giorno, che si assorbono subito, fanno parte della seconda categoria, olio in acqua: la parte più "esterna" dell'emulsione, l'acqua, evapora in fretta e quindi lascia sul viso un senso di freschezza e di non un [LEGGI RESTANTE]


Quali sono le imperfezioni della pelle? Lentiggini, nei e grani di miglio.
Le imperfezioni della pelle possono essere anche caratteristiche simpatiche e piacevoli di un volto; vediamo le principali.
Lentiggini. Sono piccole macchie brunastre dovute ad anomalie di pigmentazione e si accompagnano di solito a capelli rossi o molto chiari e a pelle delicata. Schiarirle con cosmetici è impossibile e anzi, oggi si tende a metterle in risalto. Per evitare che diventino troppo numerose, l'unico rimedio è un prodotto solare ad alto indice di protezione tutte le volte che ci si espone al sole e, di giorno, una crema idratante che contenga filtri protettivi. Se pro [LEGGI RESTANTE]


Come vanno trattati i foruncoli? Quale è il trattamento appropriato per i foruncoli?
I foruncoli sono causati da infiammazione delle ghiandole sebacee e sudorifere e del bulbo pilifero in seguito a infezione di stafilococchi e streptococchi. I foruncoli si possono manifestare in qualsiasi punto della superficie cutanea dove esistono peli e ghiandole sebacee. Il foruncolo inizia con la comparsa di una piccola tumefazione rosso scura attorno a un pelo; nelle 24-48 ore successive assume una forma conica, più o meno dolente a seconda della sede. Il bulbo del pelo e le ghiandole sebacee annesse vanno incontro a un processo di necrosi per l'attività dei germi e delle loro tossine; i tess [LEGGI RESTANTE]


In caso di nei con peluria si deve evitare di irritarli e di raderli.
Sono piccole macchie sulla pelle, formate da cellule che contengono una quantità insolitamente alta di melanina (la sostanza chimica che scurisce la pelle) e che appaiono perciò di un colore scuro, compreso di solito tra il rosso e il bruno. Va detto innanzitutto che ogni individuo di razza bianca ha sul suo corpo diversi nei e che la media, per le popolazioni mediterranee, è certamente di 8-10 nei a persona: questo dato dovrebbe essere sufficiente a tranquillizzare chi teme che i nei costituiscano un problema di natura medica. I popoli di razza nordica, generalmente quelli con pelle molto chiara, hanno [LEGGI RESTANTE]


Una serie di semplici precauzioni per salvaguardare la salute delle mani e dei polsi nei lavori domestici.
Per molte persone, per esempio le casalinghe, le mani sono le parti del corpo più esposte a ogni tipo di danno non soltanto estetico ma anche di natura fisica. Le mani infatti possono essere danneggiate, oltre che dal freddo, dall'uso di detersivi, dal contatto troppo frequente con l'acqua, dall'impiego di sostanze corrosive e dal ripetersi di piccole infezioni. Una serie di semplici precauzioni è sufficiente a evitare gran parte di questi inconvenienti: non tenere a lungo le mani sotto l'acqua troppo calda o troppo fredda, usare guanti di gomma (meglio se indossati sopra guanti di cotone) quando si [LEGGI RESTANTE]


Come effettuare il massaggio del viso: fronte, guance, mento, collo, contorno occhi, sottomento.
Le estetiste sono le vere esperte del massaggio del viso. Ma ogni donna, due volte al giorno, quando si spalma la crema idratante il mattino e la crema nutriente la sera, può praticare un breve automassaggio al viso. L'importante è avere un tocco leggero e seguire alcune indicazioni di base.
Fronte. Si distribuisce la crema in centro e, partendo dalla parte superiore del naso, si tracciano delle linee ideali verso tempie, finendo verso l'alto.
Guance. Si mettono due ditate di crema tra gli angoli della bocca e la radice del naso e, con movimenti circolari obliqui, si stendono ve [LEGGI RESTANTE]


Prevenire le rughe, purificare la pelle del viso con le maschere casalinghe.
La maschera è un cosmetico a effetto istantaneo In rapporto allo scopo per cui è stata formulata pulire in profondità, schiarire la pelle, idratare, nutrire, decongestionare, ammorbidire il risultato è immediatamente visibile. Le maschere possono essere in crema, in gel o in pasta argillosa. Una volta applicate sulla pelle possono comportarsi in modo differente: alcune diventano solide e quando si tolgono sembrano sottili maschere cave da Carnevale, altre si eliminano con acqua, altre ancora si levano con una spugnetta umida. Si tengono sul viso dai 10 ai 30 minuti, durante i quali è bene non [LEGGI RESTANTE]


Quali sono le regole base per scegliere un buon profumo?
Ogni profumo è composto da un olio essenziale (cioè il corpo odoroso vero e proprio), da un diluente e da un fissatore. Nell'antichità l'essenza veniva diluita con olio d'oliva; nella profumazione moderna, si è passati all'alcol etilico, che però non è sufficiente dato che a contatto con la pelle si dissolve subito. È necessaria la presenza di una sostanza meno volatile, il fissatore, appunto, che persista sulla pelle. Gli oli essenziali un tempo erano tutti di origine vegetale: foglie, petali e steli di fiori; cortecce di piante (cannella, galbano, opoponaco, ladano); legni (cedro, sa [LEGGI RESTANTE]


I punti neri o comedoni: cosa sono e come si eliminano?
I comedoni (questo il nome tecnico dei punti neri) sono piccolissimi depositi di grasso che non è de­fluito normalmente e ha ostruito lo sboc­co di un follicolo pilosebaceo. Il sebo, che è biancastro, a contatto con l'aria si ossida e diventa scuro. I punti neri vanno tolti preferibilmente dopo una accurata pulizia della pelle, me­glio se effettuata con il vapore (attenzione però che questo non sia troppo caldo per evitare di danneggiare la pelle): in questo modo i pori si allargano spontaneamente ed è più facile spremere il grasso.

Per eliminare i punti neri bisogna usare i p [LEGGI RESTANTE]


L'uso del sapone non appropriato presenta vari inconvenienti: priva la cute della difesa dai germi, può provocare irritazioni e, nella forma più comune, quella di panetto solido, veicola sporco e batteri.
Si intendono con il termine saponi, in chimica, alcune particolari sostanze ottenute facendo reagire la soda o altri alcali con un grasso che hanno la proprietà di far sciogliere in acqua i composti oleosi. Per questo motivo esse vengono utilizzate da millenni per lavare, cioè per solubilizzare lo sporco (costituito in gran parte, appunto, da sostanze oleose) in modo da poterlo allontanare. I saponi che un tempo erano gli unici detergenti, e venivano impiegati, nell'igiene personale, anche per lavare i capelli sono tuttavia caratterizzati da alcuni inconvenienti, che stanno gradualmente p [LEGGI RESTANTE]


Quando applicare lozioni e pomate in caso di scottature? Cosa bisogna fare in caso di vesciche dopo una scottatura?
Le possibili cause di ustione sono moltissime: il fuoco, l'acqua o il vapore bollenti, un metallo incandescente, sostanze chimiche caustiche, l'elettricità. Questo spiega perché le ustioni, considerando anche quelle prodotte dai raggi solari, sono eventi molto frequenti, a tutte le età e in molte circostanze. Nell'ustione quello che fa generalmente maggiore impressione sono il dolore e la perdita dei tessuti "bruciati". In realtà i due rischi maggiori, anche se non immediati, sono rappresentati dalla forte perdita di liquidi (specialmente nelle grandi ustioni) e dalla possibile comparsa di una inf [LEGGI RESTANTE]


Evitare latticini e cioccolato per ridurre il sebo prodotto dalle ghiandole sebacee.
Il sebo è un liquido untuoso che viene emesso dal corpo attraverso le ghiandole sebacee, particolarmente numerose sul cuoio capelluto e sul viso. Dalla pubertà in poi, probabilmente per un equilibrio instabile degli ormoni sessuali, la secrezione di sebo può essere abbondante e la pelle, di conseguenza, particolarmente untuosa. Questa situazione, la seborrea, non può essere considerata come una malattia, ma predispone all'acne, all'eczema e alla forfora. Può anche accadere che, non riuscendo a defluire dalla ghiandola, il sebo dia origine a una cisti sebacea, o comedone. L'untuosità ecces [LEGGI RESTANTE]


Tumori della pelle: anche i Parlamentari hanno le loro macchie.
Presentati a Roma i risultati della giornata di screening sui tumori cutanei promossa da Euromelanoma, che ha coinvolto 70 parlamentari. Rappresentanti delle Istituzioni e specialisti dermatologi fanno il punto sulle strategie per contrastare i tumori della pelle in preoccupante aumento. Sotto i riflettori anche le cheratosi attiniche, lesioni tumorali precoci, che se non curate per tempo possono degenerare in tumori della pelle non-melanoma. Necessarie campagne di prevenzione basate su screening diagnostici e terapie appropriate per tutelare la popolazione e contenere i costi per il Serviz [LEGGI RESTANTE]


Prevenzione e diagnosi precoce dei tumori della pelle: una priorità per l’agenda della politica sanitaria
L’incidenza dei tumori della pelle è in costante aumento: per sensibilizzare popolazione e Istituzioni su questo problema Euromelanoma ha organizzato nel 2012, di concerto con la Camera dei Deputati, uno screening che ha coinvolto Parlamentari di tutti gli schieramenti. I risultati sono stati recentemente pubblicati dall’autorevole International Journal of Dermatology: qual è l’importanza di questa iniziativa e quali i dati emersi? L’obiettivo dell’iniziativa, che ha coinvolto ben 70 Parlamentari italiani, è stato quello di sensibilizzare su queste tematiche così importanti i decisori politici [LEGGI RESTANTE]


Tumori della pelle non-melanoma
Un’eccessiva esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV), in particolare a quelle solari, è in grado di indebolire il sistema immunitario cutaneo e di danneggiare le cellule della cute, alterandone il materiale genetico (DNA). Quando tali alterazioni divengono troppo severe, i sistemi di riparazione delle cellule cutanee non riescono a eliminarle, permettendo così il trasferimento d’informazioni sbagliate alle cellule figlie. Se poi queste continuano a loro volta a dividersi senza nessun ostacolo, possono trasformarsi e determinare, nel corso del tempo, lo sviluppo di tumori cutanei. Il più pericol [LEGGI RESTANTE]


Cheratosi attinica: fattori di rischio,profili di rischio, istopatologia.
La cheratosi attinica è una lesione neoplastica epiteliale cutanea che si sviluppa spontaneamente come conseguenza di un’esposizione prolungata ai raggi ultravioletti (UV): la sua insorgenza è quindi correlata, più che all’avanzare dell’età, all’effetto cumulativo dell’esposizione ai raggi solari o ad altre fonti UV come i lettini abbronzanti. Le lesioni possono evolvere in carcinoma squamocellulare invasivo. Per questo motivo esse vanno diagnosticate e trattate precocemente.

Etimologia
Il termine cheratosi attinica, coniato nel 1958 da Pinkus, significa “condizione” [LEGGI RESTANTE]







Letture correlate:

   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.