Contattaci

Quali sono i sintomi e le cause della cirrosi epatica?

Quali sono i sintomi e le cause della cirrosi epatica?

Per cirrosi epatiche si intendono diverse malattie del fegato, provocate da varie cause, ma che hanno tutte come carattere comune una proliferazione anormale di tessuto connettivo nel fegato e nelle vie biliari. La più importante è la cirrosi atrofica o cirrosi alcoolica (cirrosi di laennec) in cui il fegato dapprima si sovraccarica di grasso, poi si indurisce e diminuisce di volume. La malattia evolve in due stadi principali. Nel primo stadio, i sintomi mancano per lungo tempo, poi cominciano a manifestarsi depressione dello stato generale, dimagramento spiccato, disturbi dispeptici con alternative di stitichezza e di diarrea, senso di peso in corrispondenza del fegato, emorragie gengivali e nasali, emorroidi, caduta dei peli ascellari, angiomi (anormali formazioni di vasi sanguigni) a forma di stella sul tronco, sulle spalle, sulle braccia, sulla nuca o sul viso, fegato ingrossato e non dolente alla palpazione, edema alle caviglie. Nel secondo stadio il sintomo principale è l’ascite (ossia una raccolta di liquido nella cavità peritoneale) di abbondanza variabile e accompagnata generalmente da edemi alle gambe; altri sintomi sono ittero, insufficienza cardiaca e perturbamento profondo di tutte le funzioni dell'organismo.

La cirrosi atrofica evolve per crisi con aumento dell’ascite, degli edemi e delle emorragie, con ittero grave che annuncia l’atrofia gialla acuta del fegato, con complicazioni come trombosi della vena porta, cancro del fegato, infezioni intercorrenti. Se la malattia non viene curata all’inizio, nella metà dei casi ha esito letale entro i due anni. Più frequente nell’uomo che nella donna e fra i 40-60 anni, la cirrosi atrofica ha la sua causa essenziale nell’alcoolismo cronico combinato con la carenza alimentare che lo accompagna. La malattia può essere originata anche da sola carenza alimentare (soprattutto di proteine), alcune intossicazioni e da certi stati tossi-infettivi come la tubercolosi e l’eclampsia.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.