Contattaci

In cosa consiste l'idronefrosi? Quali sono le differenze tra l'idronefrosi unilaterale e bilaterale?

In cosa consiste l'idronefrosi? Quali sono le differenze tra l'idronefrosi unilaterale e bilaterale?

Per idronefrosi si intende un accumulo di urina nei bacinetti e nei calici , renali i quali si dilatano; l'accumulo è causato da un'ostruzione degli ureteri o delle vie urinarie inferiori. Nel caso in cui l’idrofrenosi dovesse essere unilaterale e cronica, resta quasi sempre asintomatica. Negli altri casi vi è la possibilità che pssano manifestarsi coliche renali seguite da poliuria (ovvero aumento di emissione delle urine) oppure dolori lievi. Frequentemente si verificano anche la nausea e il vomito. Nel caso in cui dovesse trattarsi di idrofrenosi bilaterale cronica con ritenzione incompleta delle urine, si verificherebbero sintomi di uremia lieve, costituiti da depressione dello stato generale, inappetenza, nausea, mal di testa, disturbi visivi e ipertensione arteriosa.

La complicazione più frequente e più temibile dell’idronefrosi è la pionefrosi, cioè l’infezione dei reni provocata da urina contenente germi. L’idronefrosi unilaterale è causata da restringimento dell’uretere o da incuneamento di un calcolo, o da tubercolosi dell’uretere, o da compressione dell'uretere. L'idronefrosi bilaterale da restringimento infiammatorio o traumatico degli ureteri, ipertrofia o tumore della prostata, lesioni del midollo spinale che hanno provocato la paralisi della vescica, ostruzione delle vie urinarie inferiori. L'idronefrosi unilaterale è più frequente della bilaterale e la sua causa più comune è la calcolosi renale.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.