Contattaci

Il consumo cronico di cocaina provoca allucinazioni, alterazioni neurologiche, tendenza generale al suicidio e all'omicidio.

Il consumo cronico di cocaina provoca allucinazioni, alterazioni neurologiche, tendenza generale al suicidio e all'omicidio.

La cocaina è un alcaloide estratto dale foglie dell' Erythroxylon coca. pianta originaria dell'America latina (Perù, Cile. Bolivia). E definito uno stupefacente. Dalle foglie si ricava una polvere bianca, ricca di principi attivi e dotata di notevoli proprietà euforizzanti e stimolanti del sistema nervoso centrale. In genere viene assunta mediante inalazione attraverso la mucosa nasale per migliorare le prestazioni e il tono dell'umore. Gli effetti sono: euforia, aumento della concentrazione e dell'attenzione, senso di sicurezza. Provoca rapidamente assuefazione e forte dipendenza psichica. Non è nota una sindrome di astinenza.

Il consumo cronico di cocaina provoca danni imponenti alla mucosa nasale, prostrazione generale, deterioramento delle facoltà mentali e in molti casi psicosi allucinatoria e persecutoria. In genere dopo il periodo, molto breve, di euforia, in chi è ormai cocainodipendente, subentrano turbe del carattere, allucinazioni, alterazioni neurologiche, tendenza generale al suicidio e all'omicidio. Il malato diventa pericoloso per sé e per gli altri, passando da stadi di allucinazioni piacevoli a crisi di aggressività, violenza,paranoia. In sede fisica è frequente arresto cardiaco. La prognosi è generalmente infausta, a meno che la terapia non si precoce: in tal caso comunque è grave.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.