Contattaci

Come alleviare i sintomi del raffreddore e del catarro.

Come alleviare i sintomi del raffreddore e del catarro.

La malattia nota come raffreddore comune è costituita in realtà da un gruppo di disturbi minori causati da circa 200 differenti virus. Normalmente, un raffreddore comune (o «di testa») rimane confinato al naso e alla gola, ma questi virus possono infettare anche la laringe (provocando laringite) e i polmoni (causando bronchite). Le infezioni virali, talvolta, preparano la strada a più gravi infezioni batteriche della gola, delle orecchie, o dei polmoni. Tutti prendiamo il raffreddore, e facilmente il primo raffreddore sopraggiunge durante il primo anno di vita. Per i primi due anni la maggioranza dei bambini è estremamente suscettibile alle infezioni virali del naso; quindi essi diventano gradualmente immuni a molti dei virus comuni nel loro ambiente. La frequenza degli attacchi aumenta ancora durante i primi anni di scuola perché il nuovo ambiente contiene tipi nuovi di virus. Invecchiando, si acquista una maggiore immunità e si prendono meno raffreddori e meno gravi .

Quali sono i sintomi?
Fino a un certo punto i sintomi dipendono dal virus responsabile del raffreddore. I sintomi maggiori di solito comprendono uno o più dei seguenti: starnuti, occhi lacrimosi, mal di gola, raucedine, tosse, e, soprattutto, naso che cola. Lo scolo dal naso all'inizio è piuttosto acquoso, poi diviene denso e di colore verdastro. Si può anche avere cefalea e lieve febbre; questo rialzo della temperatura può provocare brividi e una sensazione di freddo. Una temperatura molto elevata accompagnata da dolori in tutto il corpo, è riscontrabile con più facilità tra i sintomi dell''influenza .

Quanto è frequente il problema?
Tutti soffrono occasionalmente di raffreddore forse uno o due all'anno nel corso della vita, ma nessuno sa con certezza in che modo lo si prenda. Una importante via di contagio sembra essere la normale stretta di mano, ma i virus vengono anche diffusi nell'aria che respiriamo attraverso la tosse e lo starnuto. I raffreddori si verificano molto meno frequentemente nelle comunità isolate, dove ognuno diviene presto immune ai virus in circolazione; una recrudescenza improvvisa è solita seguire l'arrivo di estranei. Oltre al fatto che i virus responsabili del raffreddore sono molto diversi, i virus stessi cambiano continuamente e si moltiplicano, di modo che nuove specie contro le quali non ci si è immunizzati compaiono costantemente.

Quali sono i rischi?
Un normale raffreddore spesso guarisce in tre o quattro giorni; anche se è accompagnato da un'infezione batterica, un raffreddore di testa non dovrebbe durare più di una settimana. Ma poiché le vie respiratorie sono costituite da una serie di spazi collegati fra loro, l'infezione può propagarsi all'orecchio medio, ai seni paranasali, alla laringe (l'organo della fonazione), alla trachea e ai polmoni.

Che cosa fare?
Restate a casa e, se possibile, in isolamento. Questo soprattutto nell'interesse delle altre persone. Consultate il medico solo se il raffreddore dura più di dieci giorni, o se l'infezione si è propagata oltre il naso e la gola, o se si è soggetti a bronchite o a infezioni dell'orecchio.

Qual è il trattamento?
Auto-aiuto: Non vi è modo per curare un comune raffreddore, ma vi sono alcune misure che si possono prendere per alleviare i sintomi. Rimanete in casa, in una stanza calda (ma non surriscaldata), e inumidite l'atmosfera con un umidificatore; il vapore proveniente da una bacinella di acqua calda servirà allo scopo. Assumete molti liquidi, preferibilmente succhi di frutta.

«Catarro» è un termine vago, non scientifico, per significare cose diverse in persone diverse, ma praticamente tutti coloro che ne soffrono sentono il naso ostruito, e di quando in quando ne cola del liquido, che può essere limpido e acquoso, ma più spesso è denso e opaco. Ciò crea disagio e respirare diventa difficile. Durante la notte, la narice del lato su cui il paziente dorme si ostruisce e disturba il sonno, oppure un po' di muco finisce nella gola, provocando un accesso di tosse. A seconda della causa che l'ha provocata, questa condizione può persistere per settimane, o migliorare e scomparire in pochi giorni. Le cause più comuni di catarro sono le infezioni virali, come per esempio un raffreddore comune. I bambini durante i primi anni di scuola, quando si trovano esposti per la prima volta a numerosi virus, sono particolarmente soggetti agli attacchi di catarro. Intorno agli otto anni, la maggior parte acquista una maggiore resistenza a tali infezioni. Altre condizioni che possono causare catarro comprendono la rinite allergica, i polipi nasali , e qualsiasi malformazione delle cavità nasali. Quando la condizione sottostante viene risolta, il catarro cessa. Il catarro può insorgere a causa di un'irritazione locale provocata dalla polvere, da un'atmosfera troppo secca, da gas o olii combustibili o da sostanze chimiche presenti nell'aria. Anche alcuni tarmaci possono stimolare un'eccessiva produzione di muco.

Credenze errate
Potete evitare il raffreddore prendendo delle vitamine. Inesatto. Nonostante diverse ricerche, non esiste una prova definitiva circa la protezione o la terapia del raffreddore da parte delta vitamina C (o qualsiasi altra vitamina). I piedi bagnati o l'esposizione a correnti d'aria causano quasi sempre un raffreddore. Inesatto. Non esiste prova scientifica di questa credenza cosi diffusa.

Trasmissione del raffreddore
Non si sa bene come vengano trasmessi i virus del raffreddore; una delle possibilità può essere quella della stretta di mano. Se avete un raffreddore è facile che leniate la mano davanti alla bocca quando tossite o starnutite, e quindi che trasmettiate poi il virus col contatto delle mani.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.