Contattaci

Avere un bel carattere dipende in parte da fattori biologici

Avere un bel carattere dipende in parte da fattori biologici

Da che cosa dipende il fatto che certe persone hanno un bel carattere e altre no? In parte da fattori biologici. Basta pensare a come un mal di testa metta di malumore per capire che il funzionamento dell'organismo (in particolare del sistema nervoso e di quello ghiandolare) può influenzare il carattere di una persona. Talvolta, nel carattere, si individuano dei fattori ereditari. Ma l'aspetto biologico non va sopravvalutato. Perché il carattere dipende moltissimo dalle condizioni in cui un individuo cresce e vive. Dall'affetto che riceve.
Dalla fiducia che gli viene data. Dai successi e dagli insuccessi che incontra. Proprio perché è influenzato dalle esperienze, il carattere può cambiare. Se non del tutto, quel tanto che basta a modificare i rapporti con gli altri e con l'ambiente. Ma che cos'è il carattere? C'è chi lo considera la stessa cosa della personalità, ma non è esattamente così. E infatti, anche se non ce ne rendiamo conto, noi valutiamo la personalità con criteri psicologici, mentre giudichiamo il carattere con criteri morali. Semplificando molto le cose, si può dire che il carattere è l'aspetto della personalità che entra in contatto con la gente e con l'ambiente circostante. A seconda dell'effetto che produce viene giudicato buono o cattivo, ossia "capace di fare del bene" o "capace di fare del male". Il bene o il male possono essere rivolti agli altri ma difficilmente a se stessi. Ha un cattivo carattere chi è aggressivo, spietato, sleale, ma anche chi è scontroso e solitario. Ha un buon carattere chi è socievole, generoso, leale, ma anche chi è ottimista.
Poiché avere un buon carattere sembra essere la premessa per essere felici e per rendere felici gli altri, è chiaro che tutti vorrebbero avere un buon carattere. Ma un ragionamento un po più profondo e critico ci porta a una domanda: in certi casi, non è meglio avere un cattivo carattere? E la risposta è sì. Spesso quello che viene giudicato un cattivo carattere è solo un segno di indipendenza: basti pensare a come spesso i genitori liquidino come "caratteraccio" il legittimo bisogno dei figli di emanciparsi. Ci sono degli uomini, poi, che accusano la moglie di cattivo carattere solo perché non vuole essere remissiva. Oppure si etichetta con un cattivo carattere un uomo che si ribella a situazioni ingiuste, e così via.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.