Contattaci
Lo scompenso cardiaco è un' alterazione della circolazione sanguigna che si instaura per il cedimento funzionale del muscolo cardiaco.

Lo scompenso cardiaco è un' alterazione della circolazione sanguigna che si instaura per il cedimento funzionale del muscolo cardiaco.

Lo scompenso cardiaco è un' alterazione della circolazione sanguigna che si instaura per il cedimento funzionale del muscolo cardiaco. Il cuore normalmente è dotato di una quantità di energia di riserva cui fa appello quando debba superare improvvise e brusche richieste di lavoro superiori al normale (fatica, infezioni, malattie febbrili, e così via). Quando cause morbose, decorrenti con carattere diacuzie, obbligano il cuore a un superlavoro, se l'energia di riserva di cui si è detto non è sufficiente a coprire quelle richieste, si instaura uno scompenso che sarà in questo caso uno scompenso cardiaco acuto. Quando invece il cuore lavora mantenendo il regime massimo di prestazione, per compensare l'aumento di richieste portato da uno stato morboso cronico, quale un vizio valvolare (stenosi o insufficienza degli orifizi valvolari cardiaci) o un difetto di nutrizione miocardico per arteriosclerosi coronarica, va incontro a un'ipertrofia delle proprie pareti e a un aumento del ritmo di contrazione (tachicardia); queste modificazioni, però, a loro volta incidono negativamente sulle capacità di resistenza del muscolo cardiaco; infatti, quando in queste eventualità per uno sforzo abnorme o per uno stato infettivo viene richiesto al cuore un superlavoro, l'impossibilità di saturare tale richiesta porta allo scompenso cardiaco cronico.

La circolazione intra ed extra cardiaca si rallenta; il sangue, pompato sempre meno energicamente dal miocardio scompensato, ristagna negli organi, la frazione liquida fuoriesce dai vasi e si hanno gli edemi, i versamenti pleurici e addominali. Il cuore, tentando di supplire alla diminuita forza di contrazione, aumenta la frequenza dei battiti; l'apparato respiratorio tenta di supplire alla diminuita circolazione polmonare e alla diminuita ossigenazione aumentando la frequenza degli atti respiratori; in tal modo si realizza la complessa sintomatologia dello scompenso cardiaco; affanno, aumento della frequenza cardiaca, edemi degli arti inferiori, versamenti intracavitari, cianosi. La terapia si avvale di farmaci cardiotonici, di diuretici, di una dieta idrica nei primi giorni, poi leggera e frazionata con pochi grassi, eventualmente priva di sale.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.