Contattaci
La caffeina si associa agli analgesici nel combattere emicranie e mal di testa. Potenzia l'effetto antidolorifico e attenua alcuni effetti depressivi provocati da sostanze come l'aspirina, il piramidone, l'antipirina

La caffeina si associa agli analgesici nel combattere emicranie e mal di testa.

Alcaloide stimolante del sistema nervoso centrale, che rappresenta il più importante dei costituenti del caffè. Esso è contenuto in minore misura anche nel tè, nel guaranà, nella cola, nel cacao. Una tazza di caffè nero contiene circa 200 mg di caffeina, una di tè 80, una di cioccolato, una di Coca Cola 45, più di 10.

La caffeina esercita un'azione stimolante sul sistema nervoso, specialmente sul cervello, ritarda il sonno, diminuisce la stanchezza, stimola il centro respiratorio, aumenta la capacità rena- le, stimola la capacità di ideazione e di parola. Si adopera per- tanto come stimolante della circolazione e della respirazione, nei collassi e nelle intossicazioni da narcotici (morfina, alcol ecc.), per sostenere e dare forza al cuore in casi di sincope e di insufficienza cardiaca; stimolando il miocardio favorisce infatti la forza di contrazione dei ventricoli; inoltre aumenta la diuresi dilatando i vasi renali, la secrezione gastrica di acido cloridrico, la peristalsi intestinale ecc.; non si presta però a trattamenti prolungati, perché provoca eccitabilità ed euforia.

La caffeina si associa agli analgesici nel combattere emicranie e mal di testa. Potenzia l'effetto antidolorifico e attenua alcuni effetti depressivi provocati da sostanze come l'aspirina, il piramidone, l'antipirina ecc. Esiste anche una intossicazione da caffeina che si manifesta con vomito, disidratazione, agitazione, convulsioni, collasso.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.