Contattaci
La biopsia si pratica in casi come per i tumori per conoscerne la natura benigna o maligna

La biopsia si pratica in casi come per i tumori per conoscerne la natura benigna o maligna

La biopsia è un prelievo a scopo diagnostico di frammenti di tessuti organici (esame istologico al microscopio) sul soggetto vivente. La biopsia si pratica nel caso di malattie delle quali non sia possibile altrimenti formulare una diagnosi o delle quali, come nel caso dei tumori, è importante conoscere natura (benigna o maligna), estensione e possibilità operative chirurgiche. La risposta dell'esame bioptico chiarirà appunto la natura (in alcuni casi di infezione sono ad esempio visibili al microscopio i batteri o è possibile allestirne una coltura) ed eventualmente la gravita della patologia in atto. Si intende per biopsia anche l'esame di un frammento di un organo già asportato chirurgicamente, cioè l'esame che si effettua dopo un intervento che si imponeva indipendentemente dalla natura del male.
A seconda dei tessuti da esaminare le tecniche variano: si può asportare ad esempio, in anestesia locale, un frammento di muscolo o di pelle o, nel caso siano interessati lo stomaco e i bronchi, si introduce, attraverso le vie naturali, ad esempio tramite la bocca, un endoscopie a fibre ottiche e si preleva un frammento della parete; si usa anche, per gli organi più interni, l'agobiopsia guidata, cioè un ago cavo che, introdotto attraverso la pelle, raggiunge il fegato o i reni.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.