Contattaci
Il campo d'applicazione dei anticolinergici è ancora piuttosto incerto

Il campo d'applicazione dei anticolinergici è ancora piuttosto incerto

I farmaci anticolinergici sono Sostanze in grado di esercitare azione antagonista degli stimoli del sistema nervoso parasimpatico (o vago) e quindi capaci di agire come antivagali. Il loro nome principale deriva dal fatto che le vie nervose vagali secemono una sostanza detta acetilco-lina, la produzione della quale viene bloccata dagli anticolinergici. L'azione di questi ultimi si esercita principalmente sull'apparato gastroenterico e sul sistema nervoso periferico. Il campo d'applicazione dei anticolinergici è ancora piuttosto incerto: essi sembrano comunque indicati in alcuni disturbi della mobilità gastrica o intestinale, nelle coliche uretrali e biliari, nel vomito postoperatorio, nell'iperemesi gravidica, nella preparazione ai grandi interventi chirurgici anche mediante ibernazione ecc. Molti anticolinergici usati per i comuni scopi terapeutici possono provocare alcuni temporanei disturbi come secchezza delle fauci (xerostomia), disturbi visivi, tachicardia, cefalea, ritenzione urinaria ecc.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.