Contattaci
La terapia per l'ansia patologica può essere sia farmacologica, con ansiolitici o tranquillanti, sia psicoterapeutica.

La terapia per l'ansia patologica può essere sia farmacologica, con ansiolitici o tranquillanti, sia psicoterapeutica.

L'ansia è uno stato d'animo simile all'angoscia, che, al di sotto di un certo livello è normale, al di sopra diventa patologico. È caratterizzato dall'attesa di un pericolo imminente e indeterminato, e dalla convinzione di essere impotente ad allontanarlo. Questo stato d'animo si accompagna frequentemente a reazioni neurovegetative (pallore, tensione muscolare, disturbi respiratori, senso di costrizione precordiale ecc.): quando tali componenti sono intense si adopera più frequentemente il termine di angoscia, che quindi può considerarsi sinonimo di ansia somatizzata. La distinzione fra ansia e angoscia (la prima più psichica, la seconda più somatica) è tuttavia difficile e artificiosa perché si tratta comunque di uno stato affettivo che, come accade nelle emozioni intense, comporta sempre una reazione del sistema nervoso vegetativo, i cui centri cerebrali sono strettamente legati a quelli della vita psichica.

Quando il pericolo incombente è riferito all'incolumità personale, ed è vissuto quindi come minaccia alla propria vita, si parla più esattamente di allarme. Ansia, angoscia, allarme sono stati d'animo di varia intensità, per cui possono rappresentare sintomi importanti di psicosi o di nevrosi, ovvero costituire esperienze affettive paranormali. L'ansia va distinta dalla paura o dal panico, perché la paura è una emozione attuale, giustificata dall'esperienza e riferita a qualcosa di noto, per cui è psicologicamente derivata e comprensibile; mentre l'ansia ha un oggetto indeterminato ed è qualcosa quindi di più soggettivo e di più intrinseco alla vita psichica. Si può ritenere comunque che l'ansia sia necessariamente legata alla condizione esistenziale dell'uomo. Ben diversa è l'ansia patologica: questa accompagna le malattie mentali come nevrosi fobica od ossessiva, ipocondria, forme psicotiche. La terapia può essere sia farmacologica, con ansiolitici o tranquillanti, sia psicoterapeutica.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.