Contattaci
II chirurgo ipertecnologico ROBOT ANTI EMORRAGIA

II chirurgo ipertecnologico ROBOT ANTI EMORRAGIA

Il chirurgo di domani è ipertecnologico ma non perde di vista il benessere globale del paziente. Intanto il campo operatorio si riduce al minimo, alla singola cellula grazie alle nanotecnologie. Lo sguardo sul futuro arriva da Verona, al Congresso nazionale della Società italiana di chirurgica, confronto tra duemila "bisturi". «Un traguardo non lontano quello delle nanoparticelle per il rilascio controllato dei farmad progetto al quale lavoriamo da alcuni anni», ha detto Alfonso Barbarisi, della seconda Università di Napoli, «e quello di "lab on chip", i biosensori di dimensioni nanometriche che inseriti sotto la cute possono fare diagnosi captando molecole "sospette"». Già in fase di sperimentazione clinica, invece, "Altair" il robot antiemorragia tutto italiano testato su 14 pazienti.
«Si tratta», ha spiegato Achille Ludo Gaspari (Tor Vergata, Roma), «di uno strumento con denti simili a tanti aghi. La corrente a radiofrequenza rilascia calore e chiude i vasi coagulando il sangue». "Altair" è indicato per tagli di organi delicati come il fegato, riccamente vascolarizzato. E ancora: Nicola Scopinaro, l'Università di Genova, è ottimista sul diabete: «Ho praticato l'intervento di diversione biliopancreatica, utilizzato nel 20% dei grandi obesi, su 14 pazienti diabetid con obesità moderata. Per ora nessuno di loro fa più uso di farmaci: ci prepariamo ad uno studio multicentrico». Coinvolti Torino (Molinette) e Roma (Sapienza). Il bypass gastrico batterà il diabete? Molta la cautela.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.