Contattaci

Quali cibi evitare per ridurre il sebo prodotto dalle ghiandole sebacee?

Evitare latticini e cioccolato per ridurre il sebo prodotto dalle ghiandole sebacee.

Il sebo è un liquido untuoso che viene emesso dal corpo attraverso le ghiandole sebacee, particolarmente numerose sul cuoio capelluto e sul viso. Dalla pubertà in poi, probabilmente per un equilibrio instabile degli ormoni sessuali, la secrezione di sebo può essere abbondante e la pelle, di conseguenza, particolarmente untuosa. Questa situazione, la seborrea, non può essere considerata come una malattia, ma predispone all'acne, all'eczema e alla forfora. Può anche accadere che, non riuscendo a defluire dalla ghiandola, il sebo dia origine a una cisti sebacea, o comedone. L'untuosità eccessiva della pelle può essere ridotta evitando latticini e cioccolato, ma soprattutto i saponi irritanti e le lozioni o anche i cosmetici oleosi.

Si possono utilizzare, con il consiglio del medico, anche lozioni solforate o alla resorcina: per quanto riguarda il cuoio capelluto, sono consigliabili shampoo appositi a base di sostanze riequilibranti, in particolare estratti vegetali. In campo cosmetico esistono trattamenti specifici, di solito fiale o impacchi (Dopo shampoo ). Per normalizzare invece la pelle del viso, è necessario pulirla due volte al giorno e utilizzare creme non particolarmente grasse (Cura della pelle ). Una seduta da una buona estetista una volta al mese migliorerà ancora la situazione. È sempre sconsigliabile, se non si è molto abili, tentare di eliminare da sole le cisti di grasso (Acne ).





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.