Contattaci

Quali sono le tossine più pericolose?

Quali sono le tossine più pericolose?

Le tossine sono sostanze prodotte da alcuni microrganismi, piante o animali, capaci di provocare danni notevoli nell'organismo, attraverso un'azione che in alcuni casi risulta letale anche per quantità bassissime. Nel caso dei germi, la tossina, che in molte circostanze è responsabile per intero dell'azione patogena da essi esercitata, può essere secreta come prodotto della loro attività vitale (e viene detta allora esotossina), oppure essere contenuta all'interno delle cellule batteriche, e liberarsi in seguito al disfacimento di queste (il nome sarà allora endotossina).

Sia le esotossine - che agiscono anche a bassissime dosi, ognuna con effetti caratteristici - sia le endotossine - che risultano attive in quantità maggiori, e in maniera meno specifica - sono dotate del cosiddetto potere antigene, cioè della capacità di indurre la formazione, da parte dell'organismo, di anticorpi specifici contro di esse, detti antitossine . Esotossine sono prodotte dagli agenti della difterite, del tetano, del botulismo; endotossine da quelli della pertosse, del colera, della peste. Esempi di tossine non batteriche sono forniti dalla stricnina (presente nella noce vomica), dalla crotossina (contenuta nel veleno di certi serpenti) o dalla ricina (prodotta dal ricino).

Particolarmente pericolose sono le tossinfezioni alimentari, dovute a cibi avariati. I sintomi possono essere scambiati per quelli della gastroenterite. Si curano con antibiotici.





   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.