Contattaci
Allergologia e sindromi allergiche.

Le origini dell'allergologia,la classificazione delle sindromi allergiche,allergie vere e le pseudoallergie.
Il problema clinico legato al campo delle allergie è vastissimo, complesso e controverso a causa dell'esistenza di situazioni intermedie come le pseudo-allergie e le reazioni di ipersensibilità o le reazioni tossiche, che certo non contribuiscono a semplificare una problematica che interessa milioni di persone. Inoltre un discorso a parte meritano le intolleranze. Iniziamo con alcune brevi note storiche sulle allergie. Agli inizi del secolo scorso fu pubblicato il primo libro sull’effetto negativo per la salute da [LEGGI RESTANTE]



I molteplici aspetti dell' allergia
Per allergia (dal greco: allos = altro; er-gon = lavoro) si intende in biologia uno strato di ipersensibilità raggiunta attraverso l'esposizione ad un particolare allergene (sostanza capace di indurre allergia o una ipersensibilità specifica). Allergia, per la gente comune, è sinonimo di reazione esagerata o comunque abnorme (ad es. la reazione ad un farmaco).
La patologia allergica è costituita da un gruppo di affezioni diverse fra loro ma unificate dal tipo di reazione di fronte a sostanze estranee. Tale patologia è andata sempre più diffondendosi in tutti i Paesi con la prevalenza di alcuni, [LEGGI RESTANTE]


Allergeni da inalazione, allergeni da ingestione, allergeni da contatto, allergeni da iniezione
Viene denominata allergene quella sostanza animale o vegetale che può determinare una sensibilizzazione specifica in certi individui e che provoca manifestazioni patologiche quando penetra nell'organismo sensibilizzato di un individuo. «Si definiscono allergeni anche tutti i preparati farmaceutici ottenuti partendo da sostanze alle quali sono sensibili soggetti allergici; il preparato deve possedere l'attività antigenica specifica di queste sostanze e deve poter essere utilizzato sia per la diagnosi sia per la cura di quella determinata malattia allergica.»
Esistono numerosi allergeni; un in [LEGGI RESTANTE]


Reazioni anafilattiche e atopiche, reazioni di tipo citotossico, reazioni tissutali causate dai complessi antigene anticorpo, reazione immunitaria di tipo ritardato.
Quando viene introdotto nell'organismo un antigene, il sistema immunitario risponde, con la produzione di anticorpi capaci di combinarsi con gli antigeni. Caratteristica di questo legame è l'elevata specificità: esiste cioè almeno un anticorpo per ogni antigene. Ma come fa l'organismo a sapere quale anticorpo deve produrre? Con quale meccanismo si formano gli anticorpi?
Se si tratta di un primo contatto con l'antigene è necessario un lungo intervallo di tempo prima che si riscontrino anticorpi e il loro livello sale lentamente a valori non molto elevati (risposta primaria). Alla seconda int [LEGGI RESTANTE]


Disbiosi e intolleranze alimentari
Allergia e disturbi del sistema di difesa del nostro organismo possono dipendere da una flora batterica intestinale disturbata Nel 1916 il medico tedesco Alfred Nissie isolò nell'intestino dei soldati che non erano affetti da dissenteria un colibatterio, mancante, invece, ai soldati malati e che si dimostrava altamente antagonista nei confronti del batterio del tifo. Finita la guerra, proseguì gli studi sulle relazioni tra flora batterica intestinale e le malattie croniche, riconoscendo ai colibatteri intestinali un'attività di stimolazione immunitaria non specifica.

Nell'intestino sano è pres [LEGGI RESTANTE]


Allergie alimentari, cibi allergogeni, intolleranze e intossicazioni alimentari.
Le allergie alimentari sono un problema assai diffuso, fortunatamente solo poche sostanze causano gravi allergie Nel I secolo d.C., il poeta latino Lucrezio affermò che ciò che è cibo per un uomo può essere veleno per un altro: probabilmente, quando pronunziava quelle immortali parole, stava pensando alle allergie alimentari. Per sopravvivere è, ovviamente, necessario alimentarsi, e, vista la varietà e la disponibilità di alimenti che possiamo scegliere quotidianamente, il mangiare dovrebbe trasformarsi anche in un avvenimento piacevole. Purtroppo, per alcuni soggetti, certi cibi possono esser [LEGGI RESTANTE]


Come proteggersi dalle allergie alimentari e come prevenirle
Per quanto riguarda il trattamento delle allergie alimentari ci si basa essenzialmente su una terapia che consiste nell'evitare di ingerire alimenti allergizzanti. Questo provvedimento risulta difficilmente attuabile con il latte vaccino poiché, come risaputo, esso è contenuto in svariati cibi quali dolci, gelati, insaccati, burro, formaggi e alcuni tipi di pane. Poiché generalmente gli alimenti allergizzanti, pur essendo cibi comuni, sono di difficile identificazione, è meglio adottare un regime alimentare ristretto allo scopo di evidenziare quale sia l'alimento allergogeno, per ridurre o elimin [LEGGI RESTANTE]


Il prurito può essere il sintomo di svariate malattie.
Il prurito può essere il sintomo di svariate malattie: autointossicazioni (come diabete, gotta, nefrite azotemica, ittero ecc.), intossicazioni alimentari, dermatosi infiammatorie (eczema, lichen planus, psoriasi ecc.), malattie parassitarie (scabbia, pediculosi, parassiti intestinali ecc.), malattie del sangue, (morbo di Hodgkin. anemie ipocrome ecc.), avitaminosi (A, B2, C), insufficienze ormonali, neuropatie, stati ansiosi, isterici, ossessivi. Il prurito può essere anche il sintomo di infiammazioni o di allergie della pelle provocate da caldo, freddo, saponi, detersivi, profumi, cosmetici, pomat [LEGGI RESTANTE]


Cosa significa ipoallergico o ipoallergenico ?
Spesso sulla confezione di un prodotto si legge che è ipoallergico o ipoallergenico. Significa che il prodotto in questione è composto da sostanze che sono state ripetutamente provate e che hanno dato reazioni allergiche minime o nulle. Una sostanza realmente anallergica, che cioè non provoca mai su nessun essere vivente qualche reazione epidermica, non esiste. Basti pensare che certe persone hanno reazioni al contatto con sostanze naturali e che anche certi estratti d'erbe, validissimi per nove-centonovantanove individui, sul millesimo provocano allergia. Per questo motivo si usa il termine "ipoal [LEGGI RESTANTE]







Letture correlate:

   

Scarico di Responsabilità: 

MEDICINA33.COM e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Prima di seguire qualsiasi consiglio letto in questo sito (MEDICINA33.COM) è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli.